CORONAVIRUS

Questa pagina è stata scritta per la GnoccoCON 2020.

Non conosciamo ancora le norme che sarà necessario seguire nel 2021. Aggiorneremo la pagina al più presto.

A causa del protrarsi dello stato di emergenza legato all'epidemia di COVID-19, anche alla GnoccoCON dovremo applicare alcune norme di sicurezza per evitarne la diffusione.

La buona notizia è che, dal momento che la convention si svolge pressochè interamente all'aperto, queste norme non sono particolarmente stringenti. Ad esse si aggiungono buone pratiche relative ad alcuni specifici aspetti del nostro hobby.

Le norme

Distanziamento sociale ai tavoli

I tavoli di gioco attorno ai quali passeremo gran parte della nostra convention saranno ulteriormente distanzati, e vi verrà chiesto di essere accorti riguardo agli assembramenti attorno ad essi. Dovremo quindi mantenere la distanza di sicurezza mentre giocheremo e mangeremo. Per agevolare il distanziamento sociale consigliamo, inoltre, di portare giochi dal ridotto numero di giocatori, così da poter creare più tavoli isolati anzichè grossi gruppi di giocatori tutti riuniti attorno ad un unico tavolo.

Mascherine negli spazi interni

Ricordiamo che la GnoccoCON si svolge, di default, sotto alla tensostruttura nel parco gestito dal Centro Sociale Biasola. Questa è da considerarsi uno spazio aperto, essendo a tutti gli effetti un grosso gazebo, molto ventilato. Gli spazi interni della convention essenzialmente si limitano al bar, ai bagni e alla stanzetta solitamente utilizzata per giochi di ruolo dal vivo e "gwep". In questi spazi sarà necessario attenersi a tutte le indicazioni che ormai conosciamo bene: distanziamento sociale, riduzione al minimo del contatto fisico e sopratutto uso delle mascherine. Negli spazi esterni non ci sarà obbligo di mascherine.

Le buone pratiche

Sanificazione periodica del tavolo

Sarà opportuno sanificare periodicamente i nostri tavoli, con strumenti che ci fornirà la Biasola stessa.

Riduzione al minimo dei passaggi di materiale al tavolo

Le direttive regionali consigliano, per attività come i giochi di ruolo e i giochi da tavolo, di ridurre al minimo i passaggi di materiale di gioco, quali ad esempio matite, schede, pedine, dadi. È inevitabile che questi passaggi si verifichino, ma per ridurli al minimo possibile sarebbe utile che ognuno si portasse il proprio materiale da casa (specialmente per quanto riguarda matite e dadi, ad esempio). Sarebbe inoltre utile scegliere di portare giochi che riducano al minimo i contatti tra giocatori o il passaggio di materiale, evitando ad esempio giochi di ruolo dal vivo particolarmente "fisici".